Gli appunti degli esperti

Solari

Solari

"Il sole è la fonte della vita, ed è indispensabile per qualsiasi sviluppo. Tuttavia, i suoi raggi possono nuocere all'organismo, e in particolare alla pelle. È pertanto essenziale proteggersene."

A prescindere dal tipo di pelle, esistono dei fattori che possono scatenare o favorire una sensibilità eccessiva: la pelle ha reazioni marcate quando si preferirebbe che non si manifestasse...

The brand Eau thermale Avène

Il sole, amico o nemico?

Il sole è la stella più vicina a noi. È una fonte di piacere. I suoi raggi, tuttavia, possono nuocere alla pelle.
I raggi solari hanno due componenti che ci interessano particolarmente:

- Gli UVA. Molto penetranti, alterano le fibre elastiche e sono responsabili dell'invecchiamento precoce della pelle. Hanno anche un ruolo nella comparsa di certi tumori della pelle.
- Gli UVB che stimolano la melanina provocando la comparsa dell'abbronzatura, nell'arco di 48 ore. Questi raggi sono responsabili nell'immediato degli eritemi, e a lungo termine dell'invecchiamento cutaneo precoce. Possono inoltre favorire la comparsa di alcuni tumori cutanei.

Le reazioni della pelle

La pelle può reagire al sole in diversi modi. Queste reazioni diventano visibili più o meno rapidamente, in particolare a seconda del fototipo . È dal fototipo che dipende la resistenza al sole.
È pertanto fondamentale conoscere il proprio fototipo.

Reazioni immediate:

Abbronzatura, reazione naturale di difesa della pelle esposta agli ultravioletti.
I melanociti dello strato inferiore dell'epidermide producono melanina (un pigmento bruno) che assorbe le radiazioni e crea uno scudo protettivo.

Scottatura, ustione da UVB, conseguenza di una sovraesposizione.
- Di primo grado: semplice arrossamento in corrispondenza delle zone esposte. Si avvertono dolore e bruciore.
- Di secondo grado: con presenza di vesciche e bolle.
- Il quadro può essere completato da malessere, mal di testa, febbre, disidratazione da colpo di calore.
 
Fotosensibilizzazioni
Il sole non è l'unica causa; l'azione del sole è aumentata da una sostanza fotosensibilizzante. I fotosensibilizzanti possono essere contenuti nelle piante, nei profumi, in alcuni farmaci (antinfiammatori, antibiotici...).

Reazioni a più lungo termine:

L'eccessiva esposizione e la protezione inadeguata possono provocare altri problemi.

Fotodermatosi, altrimenti dette allergie al sole.
La lucite estiva benigna è la più frequente (eruzioni e prurito su collo e avambracci).
La cosiddetta lucite polimorfa e l'orticaria solare sono più rare.

Macchie solari: si tratta di macchie scure che possono comparire sulle zone più esposte (viso e mani).

Invecchiamento cutaneo precoce: visibile su viso, collo, nuca, dorso delle mani, avambracci.

Rischio di tumore cutaneo: un rischio concreto contro cui bisogna tutelarsi.

I nei vanno sorvegliati

L'esame regolare della pelle è indispensabile per la diagnosi precoce dei melanomi. Si può realizzare facilmente da soli, da soli con uno specchio, oppure con l'aiuto di un familiare.
 

Questions

Carnets experts

Send by email

Ricerca in corso

Login richiesto

Devi collegarti al tuo account Avène per salvare questa informazione.


Collegati o crea un account