Una goccia di acqua termale

 

L'OPINIONE DEL NOSTRO ESPERTO

Ipercheratosi

COME COMPRENDERE SE SI TRATTA DI IPERCHERATOSI?

L'ipercheratosi è un ispessimento della parte più esterna dell'epidermide, lo strato corneo. A questo livello, le cellule sono altamente cariche di cheratina, una proteina che conferisce loro un carattere secco e molto duro. In alcune situazioni, l’accumulo di cheratina è eccessivo e crea piccole o grandi chiazze di pelle secca e ruvida.

 

Il nostro esperto risponde alle tue domande

Vivere meglio con la pelle soggetta a cheratosi

L'ipercheratosi è prima di tutto un fenomeno fisiologico adattativo che mira, attraverso la produzione accelerata di cellule fortemente cheratinizzate, a rafforzare la resistenza dell'epidermide. Camminare a piedi nudi o fare un lavoro manuale intenso genera un ispessimento delle piante dei piedi e dei palmi delle mani. Questo fenomeno ha un benefico effetto protettivo ma crea disagio sulla superficie della pelle, che diventa ruvida, dura e soggetta a screpolature.

Se lo stress fisico è localizzato (sfregamento ripetuto, pressione permanente su una zona molto particolare), l'ipercheratosi assume l'aspetto di un callo. L'esempio più comune è il callo plantare, causato da una forte sollecitazione su una piccola area di pelle, che provoca un fenomeno doloroso simile a quando un corpo estraneo entra in contatto con il piede.

Tra tutte le condizioni dermatologiche, è la psoriasi a indurre quasi costantemente aree ipercheratosiche. Le placche tipiche della condizione, originariamente rosse, sono circondate da scaglie di pelle spesse e molto dense che creano un aspetto squamoso. Si forma una specie di corazza che provoca un danno estetico significativo, un disagio cutaneo e impedisce l’assorbimento dei farmaci per la psoriasi.

Quando è presente una causa fisica (attrito, appoggio irregolare), prima di tutto è necessario cercare di eliminare la pressione.
Per rimuovere l'ipercheratosi, sono necessari prodotti idratanti ed emollienti, arricchiti con principi attivi che sgretolino i blocchi di cheratina. L'urea e l'acido salicilico sono i principali principi attivi cheratolitici. A seconda dello spessore, della localizzazione e della causa dell'ipercheratosi, queste sostanze sono utilizzate in concentrazioni variabili integrandole in texture molto ricche.
Quando usati per trattare la psoriasi, questi cheratolitici aiutano a rimuovere le lesioni. Una volta rimossa l'ipercheratosi, si prosegue con corticosteroidi topici o analoghi della vitamina D.

Si dovrebbe prendere in considerazione un consulto con un dermatologo. Diagnosticare le condizioni del cuoio capelluto è talvolta difficile, anche per uno specialista. Le due condizioni più comuni che rispondono a questa descrizione sono la psoriasi e la dermatite seborroica. In entrambi i casi, l'applicazione mirata di trattamenti contenenti urea e/o acido salicilico migliorerà i sintomi. Tendono a sparire e ripresentarsi, con riacutizzazioni croniche e ricorrenti: è importante chiedere il parere di un dermatologo.

Questa descrizione può essere indicativa di molte condizioni, ma la prima ipotesi è la cheratosi pilare. Questo danno si manifesta con l'ipercheratosi dei capelli. È particolarmente comune e interessa un terzo della popolazione. Il suo unico danno è di carattere estetico e molti pazienti desiderano sapere come affrontarlo. A parte l'idratazione, un rimedio che può aiutare a migliorare il problema è l'uso di cheratolitici, come descritto sopra.