Gli appunti degli esperti

Invecchiamento cutaneo

Invecchiamento cutaneo

Rughe e rughette, una pelle meno setosa, un incarnato meno luminoso, una perdita di compattezza... Sono i segnali d'allarme del tempo che passa…

A prescindere dal tipo di pelle, esistono dei fattori che possono scatenare o favorire una sensibilità eccessiva: la pelle ha reazioni marcate quando si preferirebbe che non si manifestasse...

The brand Eau thermale Avène

La pelle invecchia... Perché?

Giorno dopo giorno, il tempo lascia la sua traccia con differenze notevoli, che dimostrano che non siamo tutti uguali. E l'invecchiamento cutaneo ce lo ricorda in modo visibile, a volta anche crudele.
Quanto alle cause profonde di questi cambiamenti, sono sicuramente multifattoriali, e dipendono dallo stile di vita quanto dalla programmazione genetica.

In che modo?

I fenomeni visibili...
Il passare del tempo si manifesta in modo diverso a seconda delle età.
- Tra i 25 e i 50 anni, la pelle si assottiglia, diventa fragile, perde il suo splendore. La luminosità originale tende a diminuire.
Qua e là compaiono alcune rughette e le prime rughe d'espressione, intorno agli occhi, alle labbra...
- Intorno ai 50 anni, i solchi diventano progressivamente più profondi, la pelle perde compattezza, l'ovale del viso diventa meno armonico, meno regolare, il collo è meno tonico.

Cosa succede...
Questi segni del tempo sono correlati a una modifica o a una rarefazione delle fibre di collagene, ma anche dell'elastina, dell'acido ialuronico e della sostanza fondamentale del derma. In parallelo si osserva una maggior secchezza della pelle.
L'invecchiamento della pelle obbedisce alle stesse regole di invecchiamento degli altri organi, con la differenza che la pelle è esposta anche a particolari aggressioni (fumo...).
Al rallentamento del metabolismo cellulare della pelle si sommano gli attacchi reiterati dei radicali liberi (agenti ossidanti), a seguito delle esposizioni ai raggi ultravioletti. Di conseguenza, alcune zone (viso, collo, dorso delle mani, avambracci) subiscono un invecchiamento accelerato.

La prevenzione è d'obbligo!
Se non è possibile rallentare il tempo né evitare gli eventi stressanti della vita, si può comunque influenzare l'invecchiamento fotoindotto (vale a dire, provocato dall'esposizione della pelle ai raggi ultravioletti).
In realtà, è fin dai primi anni di vita che bisogna fare attenzione a non esagerare con il sole. Ma non è mai troppo tardi per iniziare a comportarsi bene.
La prevenzione del fotoinvecchiamento presuppone la fotoprotezione, un costante atteggiamento di cautela nei confronti dell'esposizione al sole: evitare di esporsi nelle ore in cui il sole è più intenso, indossare indumenti, cappelli e occhiali (omologati), utilizzare prodotti solari ad alta protezione.
Senza dimenticare naturalmente che non si deve MAI esporre direttamente al sole un bambino sotto i 3 anni.

Questions

Carnets experts

Send by email
  • I prodotti consigliati per risolvere i problemi della tua pelle
  • Accedi alla pagina dei tuoi prodotti preferiti e dei commenti
  • Registra i tuoi acquisti e sarai ricompensata
Iscriviti adesso

Ricerca in corso

Login richiesto

Devi collegarti al tuo account Avène per salvare questa informazione.


Collegati o crea un account