19/11/2020 - Covid 19, ne parliamo

La pelle e il Covid-19



Il Covid-19 è al centro dell’attualità e dei nostri pensieri. La nuova malattia respiratoria infettiva provocata dal coronavirus SARS-CoV-2 non è ancora oggetto di una comprensione approfondita. Di conseguenza, tutti i dati epidemiologici, in particolar modo quelli dermatologici, vengono registrati per poterla capire meglio. E al di là della pandemia, l’essere o meno confinati può influenzare lo stato e il comfort della pelle. Ecco quindi alcune spiegazioni e consigli su questi temi.
 
Articolo scritto con il supporto di Ariana ORTIZ BRUGUES, Consulente Dermatologo per la marca Eau Thermale Avène, e Joëlle NONNI, Responsabile dei seminari di educazione alla salute della pelle presso la Stazione Termale di Avène.
 
 

I sintomi cutanei associati al Covid-19


Il 6 aprile, l’Associazione nazionale francese di Dermatologia e Venereologia, tramite un gruppo WhatsApp di 400 dermatologi attivi in ospedali o studi privati, ha evidenziato i sintomi cutanei potenzialmente associabili al Covid-19. Possono presentarsi rash cutanei localizzati o generalizzati oppure altri sintomi, come lesioni di piccole dimensioni, arrossate e a volte dolorose, come i geloni.

La Società di Dermatologia Francese, nel suo studio COVIDSKIN, volto a raccogliere e documentare le manifestazioni cutanee associabili al Covid-19, sottolinea quanto segue: "i geloni non sono segno di esordio della patologia e non sono un segno di allerta, soprattutto se sono isolati. Non esistono argomentazioni a indicare la potenziale contagiosità di questi pazienti." Tuttavia, se presente uno di questi sintomi, è necessario richiedere un parere medico. La Società di Dermatologia Francese invita comunque alla cautela: "non tutti i geloni sono necessariamente un segno del Covid: i geloni costituiscono una dermatosi piuttosto comune".


La mia pelle, in prima linea come un operatore sanitario

In prima linea nella lotta al Covid-19, si indossa tutti i giorni la mascherina. La respirazione e la pressione generata dall’indossare la mascherina, possono provocare la comparsa di irritazioni importanti, come lesioni con un rischio di infezione.

È quindi fondamentale prestare la massima attenzione. Per cercare di limitare le irritazioni, la mascherina deve essere posizionata su pelle pulita e ben idratata (almeno 30 minuti prima di indossarla).

Per questa routine, si può utilizzare una lozione detergente specifica per pelli intolleranti, oppure un gel detergente emolliente e una crema idratante. Se la mascherina ha causato delle irritazioni importanti, alla sera, dopo aver deterso la pelle del viso, si può vaporizzare dell’Acqua termale sulle zone maggiormente interessate e asciugare tamponando.

Poi, si può applicare una crema ristrutturante a base di rame e zinco. Sulle mani rovinate dai ripetuti lavaggi con sapone e/o gel idroalcolico, si può applicare una crema idratante mani o una crema barriera mani durante il giorno, e, alla sera, una crema ristrutturante a base di rame e zinco.


La pelle ai tempi del confinamento / lockdown

Il confinamento o “lockdown” ha influenzato la nostra quotidianità: meno uscite, spazi più ristretti, situazioni talvolta più stressanti, come per esempio la gestione dei bambini e del lavoro d’ufficio portato casa (smartworking).

Indipendentemente dal contesto, queste situazioni possono causare svariate reazioni cutanee: pelle che diventa grassa o più grassa, comparsa di brufoletti o, al contrario, tensione cutanea che crea una sensazione di disagio, anche alle pelli patologiche, che possono essere interessate da recidive di sfoghi eczematosi. Ecco alcuni consigli su come lenire la pelle e prendersene cura. In ogni caso, in presenza di segni gravi, persistenti, o di dubbi, è necessario rivolgersi a un dermatologo o ad un medico. Si può chiedere consiglio anche al proprio farmacista.

Pelle più secca: la pelle è più secca e senza comfort rispetto alla normalità. Questo può dipendere da una maggiore presenza di cloro nell’acqua o da maggiori lavaggi. Per prima cosa, utilizzare acqua tiepida, che aggredisce la pelle meno dell’acqua calda, senza però essere meno efficace; poi, detergere la pelle con un gel detergente delicato o una lozione detergente senza risciacquo, e, infine, applicare una crema adatta alla pelle secca.

Pelle molto secca, con rossori e talvolta sensazioni di prurito: si tratta probabilmente di eczema. Se la tua pelle è secca e soggetta a dermatite atopica, utilizza la tua consueta routine: acqua tiepida e un prodotto adatto, come un gel detergente emolliente o un olio lavante.

Nebulizza poi un velo di Acqua termale sulle zone più secche, asciuga tamponando e applica una crema / balsamo. Puoi anche applicare delle creme ristrutturanti sulle zone più irritate, purché prive di lesioni. Se la situazione della tua pelle non migliorasse, potresti aver bisogno di un trattamento a base di cortisone. In questo caso, rivolgiti al tuo dermatologo.

Se queste condizioni cutanee non sono collegate ad un’atopia preesistente, può trattarsi di rosacea o dermatite seborroica. La rosacea è una malattia cutanea che interessa i capillari del viso ed è caratterizzata da rossore della cute e da un’anomala dilatazione dei vasi sanguigni. La dermatite seborroica si manifesta con arrossamenti e desquamazione.
È correlata alla proliferazione di lieviti naturalmente presenti sulla cute, che può essere indotta dallo stress. Anche in questo caso, suggeriamo di consultare il dermatologo o medico di fiducia.

Pelle più grassa, comparsa di impurità: lo stress, che può essere generato dalla situazione che stai vivendo, induce il rilascio dell’ormone cortisolo, il quale agisce sulle ghiandole sebacee e può quindi accentuare l’acne o provocare la ricomparsa di sfoghi. È essenziale detergere bene la pelle mattino e sera con un gel detergente per pelle mista/grassa o a tendenza acneica, e applicare una crema o un prodotto anti-impurità.

 
Come prendersi cura della pelle “al tempo della mascherina”
Indossare la mascherina può essere sinonimo di irritazione e reazioni cutanee per tutti i lavoratori che non sono operatori sanitari, ma che devono indossarla, o dovranno farlo prossimamente. Per limitare tali inconvenienti, la mascherina deve essere indossata su pelle pulita e ben idratata (almeno 30 minuti prima di indossarla).

Per questa routine, puoi utilizzare una lozione detergente specifica per pelli intolleranti, oppure un gel detergente emolliente e una crema idratante. Se la mascherina è causa di notevole irritazione, alla sera, dopo aver deterso la pelle di viso e mani, puoi nebulizzare l’Acqua termale sulle aree più colpite e asciugare tamponando. Infine, puoi applicare una crema ristrutturante a base di rame e zinco.

 

Send by email
  • I prodotti consigliati per risolvere i problemi della tua pelle
  • Accedi alla pagina dei tuoi prodotti preferiti e dei commenti
  • Registra i tuoi acquisti e sarai ricompensata
Iscriviti adesso

Ricerca in corso

Login richiesto

Devi collegarti al tuo account Avène per salvare questa informazione.


Collegati o crea un account

You can't post more than one comment on a product

Dai la tua opinione

* Campi obbligatori

Il mio account Avène

-Giorno
-Mese
-Anno

Marchi del Gruppo Pierre Fabre

*Campi obbligatori

Grazie per aver condiviso la tua opinione!

Il tuo commento è in attesa di essere moderato da parte degli amministratori del sito e verrà pubblicato dopo l'approvazione.