av_instit-biodiversity-impluvium-hdrvb-square

Un bacino protetto L'impluvio di Avène, nel cuore di un ambiente naturale e di una biodiversità protetta

Un impluvio è un'area geografica che contribuisce all'approvvigionamento idrico di un fiume.
Avène è una vasta area, situata all'interno del Parco Naturale regionale dell'Alta Linguadoca, dove l'acqua piovana si infiltra nel sottosuolo.

Ogni goccia che penetra nella terra andrà ad alimentare la sorgente Avène dopo un viaggio sotterraneo di più di 50 anni, fino a 1500 metri di profondità. Per garantire la qualità di quest'acqua alla sua fonte, è necessario proteggere l'ambiente naturale che la circonda.
Pertanto, le attività umane nei dintorni dell'impluvio sono molto limitate e strettamente controllate.

  • <span class="ezstring-field">av_instit_environnement_avene2©studiochevojon_368x460</span>
  • <span class="ezstring-field">av_instit-thermal-park-hdrvb-square_368x460</span>
  • <span class="ezstring-field">av_instit_environnement_avene3©studiochevojon_368x460</span>
Una goccia di acqua termale

Un sito unico

 

Cosa rende l'impluvio di Avène così speciale?

È qui che l'Acqua termale Avène inizia il suo viaggio. Grazie alla sua posizione, al crocevia tra il clima mediterraneo, montano e continentale dell'alta Val d’Orb, l'impluvio di Avène è realmente unico.

L'acqua piovana scorre nel bacino e compie un lungo viaggio nelle sue profondità sotterranee. Man mano che procede, si riscalda e si arricchisce di elementi biologici e minerali che le forniscono le sue proprietà lenitive, anti-irritanti ed emollienti.

Superficie e profondità dell'impluvio

Il bacino si estende per 27 km2. Il rilievo è molto marcato tra la Stazione Termale di Avène a 340 metri di altitudine e le cime più alte con i loro 1022 metri.

Anche se piove in media 1200 millimetri d'acqua all'anno, solo una parte di quest'acqua si infiltra in profondità nel terreno per dare vita più tardi all'Acqua termale Avène.

L'altra parte rimane a bassa profondità e alimenta i bacini idrici della zona.

Tutte le nostre attività si svolgono nel rispetto della biodiversità.

Séverine Roullet-FurnemontResponsabile della RSI e dello sviluppo sostenibile del Gruppo Pierre Fabre

Un sito verde

I parchi naturali regionali hanno un modello di sviluppo basato sulla valorizzazione e sulla salvaguardia del patrimonio naturale, considerato ricco e fragile. L'impluvio di Avène beneficia pertanto di misure di protezione della flora e della fauna, dell'acqua e del suolo del Parco Naturale regionale dell'Alta Linguadoca.

Il 76% del parco è costituito da foreste, con un misto di latifoglie (quercia, faggio, castagno) e conifere (pino e abete douglas).

I terreni agricoli rappresentano il 22% della superficie e sono usati principalmente per pascoli e colture foraggiere.

Tutela della foresta e delle falde acquifere

Gli alberi che circondano il bacino di Avène mantengono il suolo umido e sono essenziali per preservare l'integrità delle nostre risorse idriche.

Per tale motivo, dal 2018 ci avvaliamo delle competenze e seguiamo le raccomandazioni dell'Organizzazione forestale nazionale (ONF) per garantire la gestione sostenibile del parco forestale.

Per preservare la biodiversità e le specie animali che vi abitano, il sito di Avène-les-Bains è stato approvato come rifugio LPO dalla Ligue de Protection des Oiseaux (Lega protezione uccelli).

Il ruolo del Centro di Ricerca sulle acque

Il Centro di ricerca sulle acque garantisce la qualità dell'Acqua termale Avène e la continuità della sua fonte.

Questo centro di ricerca svolge anche una funzione di osservazione, analisi e informazione per l'Acqua termale di Avène e il suo bacino.

Proteggere la sorgente e l'impluvio di Avène significa agire sulla sorgente stessa, sulla formazione dell'acqua, sui suoli, sulle foreste e sulle risorse idriche della zona.

API'A, Associazione per la conservazione dell'impluvio dell'acqua di Avène

Da oltre 30 anni, la qualità e i benefici dell'Acqua termale Avène sono al centro delle nostre preoccupazioni. La protezione dell'ambiente e della biodiversità, in cui questa risorsa unica nasce e vive, è essenziale. Creata il 22 marzo 2021 su nostra iniziativa, in collaborazione con il Comune di Avène, API'A si propone di contribuire alla conservazione dell' impluvio, a fianco degli operatori del territorio. A tal fine, e per definire il progetto e il lavoro svolto dall'associazione, li abbiamo coinvolti in ogni fase della pianificazione.

Il lavoro dell'Associazione API'A

API'A faciliterà le iniziative locali per proteggere le risorse idriche dell'impluvio. L'associazione implementerà misure ambientali e di sensibilizzazione, in particolare nei settori della gestione sostenibile delle foreste, dell'agricoltura responsabile e della conservazione della biodiversità locale. Il primo lavoro realizzato dall'associazione sarà la diagnosi individuale, su 10 proprietà forestali volontarie della zona, per definire le aree di miglioramento per la gestione sostenibile di questi appezzamenti, l'ottimizzazione del riciclaggio dei rifiuti plastici agricoli e il finanziamento di attrezzature per migliorare la gestione delle acque reflue agricole.