Intervista con Patricia Aublet, co-fondatrice di PUR Projet

L'ecosistema marino e le barriere coralline: scegliere un approccio olistico

Intervista con Patricia Aublet, co-fondatrice di PUR Projet

Eau Thermale Avène si impegna ad applicare la sua expertise nella protezione solare alla pelle e a lavorare per ridurre l'impatto dei suoi prodotti sugli ecosistemi. Per andare oltre e aiutare a ripristinare l'ambiente marino, nel 2016 Eau Thermale Avène ha stretto una partnership con PUR Projet, un’azienda specializzata in azioni a sostegno del clima che opera a Bali. Abbiamo parlato con Patricia Aublet, co-fondatrice di PUR Projet.

Cosa fa PUR Projet?

Il nostro scopo è quello di rigenerare gli ecosistemi con l'aiuto degli operatori locali e di riconciliare l'uomo con la natura. A tal fine, aiutiamo le aziende a sviluppare progetti climatici in linea con la loro catena del valore. Considerate le qualità sociali e ambientali di Eau Thermale Avène, era ovvio che potevamo dar vita a un programma insieme.

Lo scopo di PUR Projet è rigenerare gli ecosistemi e riconciliare l'uomo con la natura.

Patricia Aublet
Patricia AubletCo-fondatrice di PUR Projet

In precedenza, PUR Projet era maggiormente specializzato nella riforestazione: com’è nato questo progetto di salvaguardia dell'ecosistema marino?

Nel 2016, Eau Thermale Avène ha voluto sostenere un progetto direttamente legato all'elemento Acqua. Allo stesso tempo, una pubblicazione scientifica di un ricercatore italiano ha denunciato l'impatto dei filtri solari sul corallo. Abbiamo quindi voluto raccogliere insieme la sfida: lanciare un programma per ripristinare l'ecosistema marino attraverso il corallo. Un elemento chiave della biodiversità, cruciale come gli alberi. Dal corallo dipendono più di 3.000 specie di pesci e quasi 120 milioni di abitanti. Tuttavia, alcuni studi mostrano che il 3% dei coralli muore ogni anno e che, a questo ritmo, le barriere coralline potrebbero scomparire entro il 2100. Eau Thermale Avène si stava già impegnando per ridurre al minimo l'impatto dei suoi filtri solari e delle sue formule sugli ecosistemi marini, e questo era un modo per andare oltre.

Dal corallo dipendono più di 3.000 specie di pesci e quasi 120 milioni di abitanti.

Come hai lavorato localmente per proteggere la barriera corallina?

Abbiamo scelto di lanciare il programma PUR Corail a Pejarakan, sull'isola di Bali, in Indonesia, perché il villaggio si trova nel triangolo d'oro del corallo, una regione riconosciuta per la sua elevata concentrazione di corallo. Ma tra la pesca al cianuro e il riscaldamento globale, questi organismi si stanno visibilmente sbiancando. Abbiamo incontrato gli abitanti e le organizzazioni locali per comprendere meglio i loro problemi. Successivamente abbiamo creato insieme un protocollo rigoroso: implementando e confrontando diverse tecniche di innesto di corallo e misurazioni del relativo impatto. Come sempre, abbiamo formato gli abitanti per renderli autonomi.

Quali difficoltà avete incontrato?

Ci siamo subito resi conto che potevamo ripiantare i coralli, ma l'innesto non era sufficiente. Se non si agiva contemporaneamente sull'inquinamento da plastica e sull'erosione del suolo da deforestazione, non avrebbe funzionato. Affinché fosse efficace, era necessario adottare un approccio olistico. Nel 2018, abbiamo quindi lanciato un progetto di gestione dei rifiuti e un programma di reimpianto delle mangrovie sulla costa.

Ci sono stati dei risultati?

Otto mesi dopo, 280 famiglie sono state incluse nel programma e sono state già raccolte e immesse nei canali di riciclaggio quasi 10 tonnellate di rifiuti. Abbiamo sensibilizzato le varie popolazioni sulla differenziazione dei rifiuti, fornito ai residenti una piattaforma di riciclaggio e bidoni speciali. Allo stesso tempo, abbiamo iniziato a piantare mangrovie per prevenire l'erosione del suolo costiero. In pochi mesi, grazie a Eau Thermale Avène sono state piantate quasi 7.000 mangrovie.

Il semplice innesto di corallo non è sufficiente: per un’azione efficace, occorre agire anche sull'inquinamento da plastica e combattere l'erosione del suolo.

Dove ti vedi lavorare in futuro su questo progetto sostenibile?

Continueremo a innestare coralli a Pejarakan per espanderne l’area e, se possibile, diffonderli in altre parti del mondo. Sulla terraferma, stiamo testando un nuovo metodo per piantare le mangrovie. Alla fine, sembra più utile piantare direttamente i propaguli (piantine di mangrovie) presi dalle foreste di mangrovie nella zona di piantagione, senza una crescita preliminare in un vivaio. Per quanto riguarda i rifiuti, abbiamo ancora del lavoro da fare per identificare i diversi tipi di rifiuti e i sistemi di riciclaggio esistenti. Stiamo anche pensando di concentrarci maggiormente sulla raccolta presso hotel e ristoranti. Naturalmente, continueremo anche a sviluppare campagne di sensibilizzazione, informazione e formazione tra gli abitanti , elementi chiave di questo tipo di progetto.