av_instit-biodiversity-impluvium-hdrvb-square

Sviluppo sostenibile Agire in modo sostenibile per preservare l'Acqua termale Avène

Séverine Roullet-Furnemont, Direttore SRI e Sviluppo Sostenibile del Gruppo Pierre Fabre, e Sandrine Bessou Touya, Responsabile del Centro di ricerca sulle acque e Direttore della Ricerca applicata per la ricerca e lo sviluppo nella dermocosmesi - Cura della persona, assicurano la conservazione di questa risorsa unica e naturale e si interessano di questioni sociali e ambientali attraverso azioni concrete. Intervista congiunta. Conoscono l'importanza degli ecosistemi e dei suoli per la qualità dell'Acqua termale Avène e sanno come prendiamo in considerazione le questioni legate allo sviluppo sostenibile nella gestione delle nostre attività.

Cosa ti colpisce quando arrivi alla Stazione Termale Avène?

Sandrine Bessou-Touya: In primo luogo, il sentiero che vi conduce, protetto da qualsiasi inquinamento visivo o acustico. Si ha la sensazione di essere nel cuore degli elementi, al crocevia dei climi e dei paesaggi mediterranei, montani e continentali.

Séverine Roullet-Furnemont: Natura onnipresente. Siamo nel cuore del Parco Naturale regionale dell'Alta Linguadoca. È come un viaggio fuori dal tempo.

Qual è il tuo lavoro?

S.R-F: Sono responsabile dell’attuazione della politica di sviluppo sostenibile del Gruppo Pierre Fabre e della sua applicazione ai vari marchi e attività dell'azienda. Questo va dallo sviluppo di strategie globali come la riduzione della nostra impronta di carbonio, attraverso la progettazione eco-compatibile dei prodotti, fino all'impegno dei dipendenti del Gruppo in azioni sociali o ambientali, in modo che ognuno faccia la sua parte.  

 La politica di RSI del Gruppo Pierre Fabre è valutata al livello di eccellenza dello standard ECOCERT 26000, ma siamo sempre alla ricerca di nuove sfide e di nuove strade da percorrere. Più precisamente, con il marchio Eau Thermale Avène e il sito di Avène les Bains, contribuisco con la nostra expertise, assisto o supporto i progetti di RSI realizzati dai team.

 

Progettazione eco-compatibile dei prodotti, creazione di strategie per la riduzione delle emissioni di carbonio e dei rifiuti, o progetti per contribuire a questioni di sviluppo sostenibile come la conservazione dei coralli... ci impegniamo ad agire a ogni livello.

Séverine Roullet Furnemont
Séverine Roullet FurnemontResponsabile della RSI e dello sviluppo sostenibile del Gruppo Pierre Fabre

E tu Sandrine?

S. B-T: Sono responsabile del Centro di ricerca sulle acque. La Stazione Termale Avène è l'unica in Francia a beneficiare di una struttura di questo tipo. È in possesso della certificazione AQUACERT e il Centro di ricerca sulle acque è accreditato ISO 17025 (da COFRAC), dedicato al controllo e alla conservazione dell'acqua termale. Qui non vogliamo semplicemente prendere l'acqua e usarla. Vogliamo prendercene cura. Dobbiamo assicurarne la qualità e la durata per le generazioni future.

Dobbiamo garantire la qualità dell'acqua termale e che continui a esistere.

Sandrine Bessou Touya
Sandrine Bessou TouyaResponsabile del Centro di ricerca sulle acque e Direttore della Ricerca applicata per la ricerca e lo sviluppo nella dermocosmesi - Cura della persona

Quali sono le vostre altre iniziative di RSI?

S. B-T: Dal 2018 ci siamo avvalsi delle competenze e seguito le raccomandazioni dell'Organizzazione forestale nazionale (ONF) per aiutarci a garantire la gestione sostenibile del parco forestale Pierre Fabre. Ciò è essenziale perché gli alberi svolgono un ruolo vitale nell'integrità del suolo e delle risorse idriche.

S.R-F: Per il marchio Eau Thermale Avène, sono state realizzate molte iniziative su diversi elementi. Vorrei evidenziarne qui alcune. In termini di prodotti, sono stati sviluppati solari dalla progettazione eco-compatibile e dal 2013, il 90% dei prodotti con risciacquo è biodegradabile. Abbiamo sviluppato un nuovo ingrediente attivo in un'economia circolare per una delle categorie chiave del marchio, ovvero l'acne. Si tratta del principio attivo utilizzato in Cleanance Comedomed, per il quale utilizziamo i semi di cardo mariano; il resto della pianta viene poi utilizzato per produrre altri principi attivi.Per quanto riguarda gli edifici di Avène-les-Bains, lo stabilimento di produzione dell’Acqua termale Avène Spray e Eau Thermale Avène l'Hôtel sono in possesso della certificazione Haute Qualité Environnementale (Alta qualità ambientale) - uno standard per la bioedilizia in Francia. L'Eau Thermale Avène l'Hôtel è certificato anche BREEAM. In termini di salvaguardia della biodiversità, il sito di Avène-les-Bains è un rifugio approvato dalla LPO (Lega protezione uccelli). Per quanto riguarda la gestione ambientale, l'impianto di produzione è certificato ISO 14001 e l'Hotel ha ricevuto l’Ecolabel europeo.

 

Nella produzione, vogliamo essere esemplari nella gestione ambientale.

Séverine Roullet Furnemont

Come si traducono sul campo queste iniziative eco-responsabili?

S.R-F: In termini di produzione, lo stabilimento, ad esempio, ha un proprio impianto di trattamento delle acque reflue, dotato di tecnologia all'avanguardia. Da molti anni portiamo avanti un programma ambizioso per risparmiare acqua ed energia.

Inoltre, nell'Hotel l'80% dei prodotti freschi serviti è realizzato in un raggio inferiore a 100 km.Per preservare le risorse idriche, stiamo anche conducendo un progetto pilota in collaborazione con una start-up di Tolosa: venti camere saranno dotate di un contatore dell'acqua. Per i clienti che desiderano partecipare a una sfida, ogni litro risparmiato nella doccia aiuterà a sostenere un'azione di RSI.

 

S. B-T: Abbiamo esaminato il nostro consumo idrico e i modi per ottimizzarlo: per esempio, una delle azioni attuate è la riduzione della falciatura degli spazi verdi e l'installazione di pluviometri che attivano l'irrigazione automatica. Nel 2019, abbiamo testato la falciatura sostenibile dei nostri prati in collaborazione con un agricoltore. Abbiamo lasciato appezzamenti fioriti, installato una casetta per insetti e mangiatoie. In particolare, sono ricomparse le lontre, il che testimonia la ricchezza e la qualità dei fiumi della zona! Infine, abbiamo sempre applicato la politica “Zero Phyto”.Oggi, vogliamo andare oltre impegnandoci collettivamente. Da un lato, con la Camera dell'Agricoltura e il Parco Naturale regionale o anche l'ONF, per lavorare con gli operatori locali per favorire metodi più rispettosi dell'ambiente. Dall'altro lato, con i proprietari delle foreste, le autorità locali e i residenti, per una maggiore protezione della superficie forestale.